Cresce Senzabarriere.app, il progetto creato dall’associazione Luccasenzabarriere, che punta a mappare l’accessibilità dei territori, così da dare notizie complete e sempre aggiornate ai cittadini e ai visitatori, a partire dai disabili.
Senzabarriere.app approda così a Camaiore: qui, da lunedì 17 maggio, grazie al sostegno e al patrocinio del Comune, prenderà il via la mappatura del territorio alla scoperta dei luoghi ac-cessibili a tutti. Il progetto dell’applicazione è finanziato dalle Fondazioni Cassa di Risparmio di Lucca e Banca del Monte di Lucca e dall’Ortopedia Michelotti.
Alla conferenza stampa, tenutasi oggi, erano presenti l’Assessore al Turismo e Commercio Ga-briele Baldaccini e l’Assessore al Sociale Anna Graziani, il presidente dell’associazione Lucca-senzabarriere, Domenico Passalacqua e la testimonial dell’applicazione Ilaria Della Bidia.

“La misura di civiltà delle città si misura – dichiara l’Assessore Anna Graziani -anche in base alla accessibilità dei servizi e delle strutture. Camaiore desidera far parte di questa rete che vede e provvede alle esigenze del mondo della disabilità, un dovere per chi amministra, un di-ritto per chi deve accedere”.

LA MAPPATURA. Senzabarriere.app inizierà il suo cammino a Camaiore da lunedì 17, dal cen-tro del comune. Gli studenti delle scuole superiori, impegnati nel percorso di alternanza scuola-lavoro, saranno accompagnati dal presidente Passalacqua nella ricognizione del territorio: ne-gozi, monumenti, luoghi d’interesse, ma anche uffici comunali, bar, ristoranti.

Ogni struttura sarà valutata attentamente e registrata sull’app, compatibile per iOS e Android, con tutte le in-dicazioni di accessibilità: dalla grandezza delle porte e degli ingressi alla presenza di bagni a-deguati; dalla presenza di rampe o ascensori fino alla possibilità di poter accedere con facilità ai servizi per neonati e bambini e a menù specifici per celiaci.

Per ogni scheda sarà registrata la presenza o meno di barriere architettoniche e, più in generale, la presenza di “ostacoli” che possano rendere inaccessibile il luogo ai disabili.

Ma non solo: anche i neo-genitori potranno trovare informazioni utili per i loro spostamenti, come la presenza all’interno dei ristoranti di spazi dedicati ai più piccoli o di fasciatoi, mentre le persone che hanno particolari allergie o in-tolleranze potranno conoscere le proposte culinarie adatte a loro con un semplice click.

È suffi-ciente scaricare la app, infatti, e “spuntare” le proprie necessità: si avrà quindi una mappa ag-giornata dei luoghi accessibili, per poter vivere con semplicità e in sicurezza il territorio.