Categories: Rassegna Stampa

by Domenico Passalacqua

Share

Categories: Rassegna Stampa

by Domenico Passalacqua

Condividi

Ciao a tutti,

Una giornata di sole, dentro e fuori dagli sguardi delle persone.

Perché ha fatto luce sulla conoscenza e la condivisione del tema della accessibilità e dell’abbattimento delle barriere architettoniche, attraverso una giornata intera dedicata allo sport e alla disabilità che ha segnato il successo della prima edizione di “Una Marcia in Più”, l’evento organizzato dalla nostra associazione.

La giornata si è aperta alle 11:00 con il Convegno sui temi dell’accessibilità, svolto presso la Fondazione Banca del Monte di Lucca, la cui responsabile Elena Cosimini ha presentato gli interventi dei partecipanti al tavolo, ovvero: Domenico Passalacqua (presidente di Luccasenzabarriere), Lucio Pagliaro (consigliere provinciale di Lucca), Pilade Ciardetti (presidente della Commissione politiche sociali, abitative e della salute del Comune di Lucca), Marco Pellizzon (responsabile sviluppo di Michelotti Ortopedia), Lapo Cecconi (App Kimap, percorsi accessibili), Paolo Bonassin e Maria Rita Gherardini del Centro Medico Martini; Giulia Favilla, psicologa e psicoterapeuta (Studio 3); gli sportivi Denis Coku (campione paralimpico di paradressage), Emiliano Malagoli e Alex Innocenti (motociclisti disabili dell’associazione Di. Di. Diversamente Disaili).

Si è parlato di accessibilità, salute e sport in relazione alla disabilità. “Insieme possiamo andare avanti sul tema delle barriere, che sono innanzi tutto di tipo sociale. Queste iniziative a affermato Pilade Ciardetti  sono fondamentali per sensibilizzare tutti”. Lucio Pagliaro ha sottolineato che: “Il concetto di “senza barriere” vuol dire dare l’opportunità di raggiungere luoghi e obiettivi. Per ogni opera pubblica realizzata bisognerebbe investire anche una piccola cifra per il superamento di una barriera. Siamo in ritardo, come nazione, su questo tema; bisogna invertire la tendenza e dare un segnale per le future generazioni”. Marco Pellizzon ha parlato di design for all e abbattimento delle barriere architettoniche: “L’obiettivo è cercare di rendere le persone disabili il più possibile autonome, poiché solo così possono perseguire un recupero funzionale e sociale maggiore. In questa giornata noi mettiamo a disposizione le nostre carrozzine per far provare e capire a tutti concretamente cosa vuol dire incontrare una barriera architettonica. E ringraziamo Domenico Passalacqua per la sua determinazione nell’organizzare questo evento”. Interessante anche la presentazione, di Lapo Cecconi, dell’App Kimap per percorsi accessibili, realizzata dalla start up fiorentina Kinoa: si tratta di un vero e proprio navigatore per disabili, che rileva e segnala le barriere architettoniche, indica i percorsi ed è ottimizzata per i vari tipi di ausili. Emozionante l’intervento del lucchese Emiliano Malagoli: “Le prime barriere da abbattere sono quelle ideologiche. Un disabile è ancora visto come una persona sfortunata, che ha meno degli altri. In realtà, ci sono tanti esempi che dimostrano che i disabili, se messi nelle condizioni giuste, fanno le cose anche meglio di un normodotato. Io sono entrato da 6 anni nel fantastico mondo della disabilità. Lo reputo fantastico perché fatto di persone che fanno cose incredibili; un mondo parallelo, di cui si parla ancora troppo poco, ma io sono fortunato per farne parte”. Strappano applausi anche le parole del campione italiano in carica di paradressage Denis Coku; “Ho vinto il titolo nel 2017 e spero di confermarmi anche quest’anno, ma per me il divertimento viene prima del risultato. Con il cavallo si crea un feeling speciale, tanto che diventiamo una cosa sola”.

Purtroppo i campioni Sara Morganti, Stefano Gori e Andrea Lanfri, per impegni sportivi cambiati all’ultimo momento, non erano presenti al convegno, nonostante ciò hanno voluto mandare un segnale e un saluto, tramite un videoclip e una lettera.

Al termine, del convegno è stato offerto un buffet presso il Caffè Ristorante San Colombano. Alle 15, quindi, via alla Marcia non competitiva accessibile, a cui hanno partecipato circa 100 persone, disabili e normodotate, cittadini, turisti, membri di associazioni e realtà del territorio: partenza dal Baluardo San Colombano e via per un giro completo delle Mura urbane di Lucca. A tutti gli iscritti è stata regalata la t-shirt della manifestazione.

 

Una Marcia in Più” è stata organizzata da Luccasenzabarriere con il patrocinio di: Comune di Lucca, Provincia di Lucca, Confcommercio, Confesercenti, Anffas, Fondazione BML, Opera delle Mura, Istituto musicale Luigi Boccherini; con la partnership di Michelotti Ortopedia, Centro Medico Martini, Centro Analisi Lamm, Credipass Lucca, Cooperativa Solidali, Circolo Oasi, Idrotermo Simone Barsotti, Il Cuore Ricevimenti; con la collaborazione di  Misericordia di Lucca, Kimap, Mele Marce, Atletica Virtus Lucca, Atletica, Club Lucca Panathlon, Studio 3, DD Diversamente Disabili, Wabu Events.

Ringraziamo tutti i partecipanti e tutti i sostenitori che hanno creduto in noi.

  

 

 

RIMANI AGGIORNATO

Iscriviti alla nostra newsletter!

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.


Articoli correlati

Leggi tutti
  • Oltre 70 servizi a persone con disabilità: questo il bilancio che Luccasenzabarriere ODV fa dei cinque giorni di Lucca Comics & Games. Una presenza costante e discreta in aiuto e sostegno alle persone con disabilità […]

    Continue reading
  • Luccasenzabarriere ODV ha raccolto la testimonianza di Alessandro Magnani, disabile, trovatosi in difficoltà a partecipare al concerto dei Twenty One Pilots dello scorso 8 luglio al Lucca Summer Festival. «All’inizio della scorsa settimana – spiega […]

    Continue reading
  • Iniziata la collaborazione con amministrazione e operatori del settore. La Senzabarriere.app sbarca a Lido di Camaiore. I volontari dell’associazione Luccasenzabarriere Odv insieme all’amministrazione comunale di Camaiore e all’associazione Balneari di Lido di Camaiore hanno dato il via […]

    Continue reading
  • Una persona con disabilità motoria che sulle Mura di Lucca diventa un superoe con tanto di ali, abbandona la sua carrozzina in basso e spicca il volo; in più, lungo l’arborato cerchio, un’enorme scritta: “Una […]

    Continue reading